Comunismo e fascismo (1921-1926)

367 pagine

Organica presentazione di testi della Sinistra sul Fascismo che anticipano la classica posizione comunista: "Il peggior prodotto del Fascismo è stato l'Antifascismo". Nello studio del fascismo la storiografia borghese non va oltre la descrizione degli avvenimenti collegandoli, nel migliore dei casi, alla ricerca delle cause politiche ed economiche, intendendo con quest'ultimo termine il rapporto fra le persone e gli istituti che governano l'economia. Per lo studioso borghese fascismo e democrazia sono contrapposti, mentre per noi sono complementari. Ma l'essenza vera del fascismo ha vinto politicamente anche se ha perso la guerra sul campo di battaglia. Per noi il fascismo ha origine nello sviluppo dei rapporti di produzione, perciò nell'economia materiale. Essa ha effetti tecnici quanto sociali e il tentativo di controllarli genera una sovrastruttura politica, a sua volta elemento materiale di controllo dell'economia. Il fascismo è prodotto dalla maturità del capitalismo giunto alla massima espressione, fenomeno che deve essere visto in termini mondiali e non solo italiani.

 

Indice del volume:

Appendice

Dalle Tesi della Sinistra (1946)

Prima di copertina
Scarica:

Quaderni di n+1 dall'Archivio storico